PRIVACY. Aumenta il numero delle sanzioni

PRIVACY. Aumenta il numero delle sanzioniSulla base di quanto riportato dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, nella relazione annuale al Parlamento, dal 25 maggio, data di entrata in vigore del GDPR, il nuovo Regolamento europeo in materia di trattamento dei dati personali e di privacy, sono aumentate di oltre il 500% le comunicazioni all’Autorità di data breach ovvero le comunicazioni di violazione dei dati personali a seguito di perdita, distruzione o diffusione indebita.

Nel 2017 sono stati circa 6.000 i quesiti, i reclami e le segnalazioni ai quali è stato dato riscontro dall’Autorità, che hanno interessato diversi settori, tra i quali il marketing telefonico, la videosorveglianza, il settore bancario e finanziario, l’ambito sanitario.
Le violazioni amministrative contestate sono state 589 per trattamento di dati senza consenso, trattamento illecito, inadeguata informativa sul trattamento agli utenti, mancata esibizione di documenti all’Autorità e non adozione di misure atte a garantire la sicurezza dei trattamenti. Pari a 3 milioni 800 mila euro il totale delle sanzioni amministrative riscosse: il 15% in più rispetto al 2016.

Relativamente all’attività di relazione con il pubblico, circa 20.000 i quesiti a cui è stato dato riscontro; le richieste hanno riguardato, in particolare, gli aspetti legati all’adeguamento alla nuova normativa sulla privacy, la videosorveglianza, le telefonate promozionali e le mail indesiderate.

Ing. Francesco Scandale

Share Button
 
Posted in News.